Il Tombolo d’Abruzzo

Vacanza in Abruzzo alla scoperta delle tradizioni. L’esperienza migliore che si possa fare con l’Hotel Sporting di Alba Adriatica è la scoperta di una regione fatta di tradizioni antiche, come la lavorazione di un merletto, il Tombolo d’Abruzzo, che ancora oggi rappresenta un’usanza molto diffusa in numerosi paesi del territorio, primi tra tutti L’Aquila, Scanno, e Pescocostanzo.

La lavorazione della trina a fusello è un’antichissima attività, che si perde nella notte dei tempi e consiste nel realizzare decorazioni e rifiniture artigianali di vario tipo su tessuto, con ago e filo, con diverse tecniche di lavorazione.

Vacanze in Abruzzo – La tradizione del tombolo d’Abruzzo

Si racconta che le donne di questi paesi, non essendo impegnate, nei mesi invernali,  nelle attività in campagna, abbiano perfezionato la loro arte nel lavorare il tombolo tanto da farlo diventare un vero e proprio passatempo. La lavorazione di questo merletto era praticato soprattutto nelle regioni montane dove maggiore era la ricchezza  e dove quindi era maggiore la quantità di committenza, tale da permettere alle donne di dedicarsi quasi totalmente alla creazione di corredi. Le donne trascorrevano il tempo davanti al focolare domestico durante i pomeriggi d’inverno, lavorando il tombolo e facendo scorrere, tra le dita abili, i fuselli in un ritmo quasi incessante ma dai toni armonici.

I merletti prodotti con questa lavorazione sono talmente splendidi che, anticamente sarebbero stati utilizzati dalle donne per adornare i loro abiti e accessori. Si narra infatti, che, “Quando la Regina Isabella nel 1493 venne all’Aquila per visitare le reliquie di San Bernardino, i cronisti dell’epoca ricordano che ai cavalieri del seguito recarono meraviglia, nelle feste sontuose che preparò la città, la rigogliosa bellezza delle donne aquilane e la squisita ricchezza dei merletti onde erano adorne”. (Orazio D’Angelo, aquilano 1904). Il tombolo abruzzese aveva un mercato molto ampio ed era ritenuto il migliore, il più bello, il più raffinato.

Il tombolo d’Abruzzo è un merletto lavorato su un cuscino con i cosiddetti “fuselli”, che sono bastoncini di legno attorno ai quali si avvolge il filo.

Questo merletto è diffuso in tutto il mondo ma ciò che lo caratterizza è la differente tecnica che ne identifica i due tipi: riattaccato e a filo continuo. Nel riattaccato il numero di fuselli è limitato; il filo, in genere, è un cotone di medio spessore e le merlettaie costruiscono con i fuselli una fettuccia o strisciolina che viene a formare delle volute. In un secondo momento queste fettucce sono ricollegate dall’uncinetto. Può essere arricchito da diversi punti, ma la sua peculiarità è di usare oltre ai fuselli anche altri strumenti.

 

Il merletto a filo continuo ha un numero di fuselli elevato: si può dire infinito. Il filo usato è di lino o di seta ed è sottilissimo. A differenza dell’altro tipo, è lavorato interamente a fuselli su disegni originali difficilmente reperibili in commercio. Il lavoro procede senza mai dover tornare sul merletto già lavorato.

 

L’artigianato artistico abruzzese è nelle mani di donne ma soprattutto artiste che danno vita a meravigliose opere come il tombolo d’Abruzzo. Chi sceglie l’Abruzzo per le sue vacanze, sceglie un’esplosione di arte insieme alla passione ed al legame dell’Hotel Sporting di Alba Adriatica per la tradizione.

Per l’Hotel Sporting di Alba Adriatica è un onore poter guidare i nostri clienti sulla via delle tradizioni d’Abruzzo, la scelta migliore per la tua vacanza in Abruzzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *